SEGUICI SU

I risultati della ricerca di Nomasvello su un campione di 20.000 questionari.

Dopo il periodo covid gli italiani vogliono andare dall’estetista più che fare un viaggio. E’ quanto risulta dalla ricerca Nomasvello su un campione selezionato di 20.000 utenti. Alla domanda su quale sia la priorità una volta tornato alla vita normale, la scelta più selezionata è l’estetista con il 40% delle preferenze sul 22% di viaggi e vacanze quasi appaiato con la parrucchiera che sfiora il 22%. Il benessere è completato dalla palestra che viene scelta dagli italiani all’8%. Seguono shopping al 6% e cibo al 3%.

Un entusiasmo giustificato dal fatto che per il periodo Covid si è dovuto fare in autonomia. A questo proposito c’è da dire che gli utenti hanno operato con rasoio elettrico o con lametta per il 46%, seguono ceretta e pinzette attorno all’8%, mentre le creme depilatorio hanno un 2%. Oltre un terzo 36% non hanno effettuato alcuna tecnica.

Nel periodo di pandemia Nomasvello ha lanciato delle iniziative per agevolare l’apertura di nuovi punti nelle città italiane. “C’è stata una risposta oltre ogni aspettativa – ha detto il direttore generale di Nomasvello, Antonello Marrocco (nella foto) – e abbiamo avuto risposte da parte sia di investitori sia di operatori del settore della bellezza e tra queste molte giovani che vogliono intraprendere un’attività professionale autonoma”.

“La risposta delle regioni del Sud, in primis Campania e Sicilia – ha detto Francesco Farina, responsabile dello sviluppo della rete – è stata sorprendente e molti giovani hanno deciso di aprire un nuovo punto aziendale”.

Nomasvello è l’azienda leader nel mercato della depilazione con luce pulsata & laser a diodo con oltre 180 centri in tutta Italia crede nella rete e da sempre sostiene gli affiliati e di chi mostra di credere fermamente nella “vision” dell’azienda. Ogni punto in franchising fattura - a regime - circa 140 mila euro annui, con un ritorno economico in brevissimo tempo.