SEGUICI SU

Un modello innovativo di ascolto e analisi delle necessità degli stakeholder.

Il primo metodo per una analisi scientifica e oggettiva che pone l’etica al centro delle valutazioni per le strategie d’impresa.

Creato da Marzio Bonferroni (nella foto), teorico della comunicatore e fondatore di UniOne, il metodo ERE si presenta come la naturale evoluzione della visione che da anni informa il pensiero di Bonferroni, da sempre assertore della necessità per il l’impresa di superare l’egoistico e dannoso modello economico del “consumatore” per approdare ad una più veritiera e rispettosa attenzione alle persone/clienti considerate nella complessità delle loro necessità e desideri.

Si passa così dalla Customer Satisfaction alla Human Satisfaction, visione che pone l’attenzione sulla ritrovata centralità dell’essere umano. E da questa, Bonferroni approda alla necessità di analisi dei tre driver primari che determinano comportamenti e azioni delle persone: l’emozione, la ragione, l’etica. Sempre, in ogni ambito. E per tutti i pubblici, interni ed esterni all’impresa. Nasce così il Metodo ERE. Che cosa muove l’atto d’acquisto? D’impulso o meditato, è sempre guidato, più o meno consapevolmente, da un insieme di motivazioni razionali ed emotive, si sa, ma anche etiche. E qui sta la vera novità del metodo: l’ascolto profondo delle necessità integrali delle persone e la conseguente misurazione della distanza fra queste e la proposta dell’impresa.

Demoskopea, storico istituto italiano di ricerche di mercato, collabora nel Metodo ERE e accoglie la sfida di questa visione innovativa elaborando un peculiare modello di rilevazione statistica che sulla base delle consolidate metodologie e tecniche di ricerca, approfondisce l’ascolto e l’analisi dei fenomeni in atto declinando i concetti di Etica, Ragione ed Emozione in relazione agli stakeholder identificati e allo specifico mercato di riferimento.

La restituzione non si limita ad una fotografia dell’esistente, ma identifica e misura per ognuno degli item considerati il gap che separa le aspettative del pubblico dalle soluzioni proposte dall’impresa permettendo così di orientare con sicurezza le decisioni strategiche. Al Metodo ERE collabora per gli aspetti relativi alle possibili integrazioni nelle strategie, anche Si-PMA.

Nelle ultime settimane molti manager e imprenditori si sono interessati a questo approccio innovativo alle strategie d’impresa. Presentato a Rovagnati, Ferrero, Allianz Partners, IBM, Generali, Italia del gusto… il metodo ERE è stato giudicato “rivoluzionario” da molti interlocutori perché pone al centro del suo interesse le donne e gli uomini nella loro complessità umana e non nel riduttivo ruolo di “consumatori” e, per la prima volta, analizza anche le motivazioni etiche, oggi sempre più determinanti, che orientano le opinioni e le scelte.