SEGUICI SU

L'azienda produttrice di cartellini, etichette e accessori moda made in Italy sostiene la rinascita delle foreste alpine di diverse aree, devastate della tempesta Vaia nel 2018.

Sostenere concretamente e attivamente iniziative mirate alla salvaguardia dell’ambiente è un impegno che Bulgarelli Production si è assunto da oltre dieci anni, tanto da essere oggi la prima azienda produttrice di cartellini, etichette e accessori made in Italy nel lusso e nella moda, che può definirsi CARBON POSITIVE.

Vale a dire che le emissioni di CO2 generate dalla sua attività sono assorbite e anzi superate dall’impatto di tutti i provvedimenti adottati. A cominciare dalla sede di Carpi disegnata interamente per essere green, e dai processi di produzione certificati climaticamente neutrali che contengono i consumi di energia e di acqua, fino al sostegno di diverse iniziative di riforestazione come l’evento di impianto WOWnature che si è svolto in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente, a Enego, nella parte orientale dell'altopiano dei Sette Comuni in provincia di Vicenza.

Il titolare e Ceo dell'azienda Davide Bulgarelli (nella foto), ha raggiunto la località di Tombal nel Comune di Enego, per partecipare alla messa in opera di questo impianto volto a riforestare una nuova area. Qui nel 2018 la tempesta Vaia rase al suolo un intero bosco di abeti rossi, e proprio per questo motivo è stato progettato un impianto con specie miste che permetteranno di aumentare la biodiversità della foresta rendendola più resiliente agli attacchi climatici. La tempesta, che colpì diverse regioni del Nord-Est, causò un danno sociale, economico e ambientale senza precedenti: 41.000 ettari di bosco colpiti e 8,6 milioni di metri cubi abbattuti (circa 7 volte la quantità di legname ad uso industriale che le segherie italiane riescono a lavorare in un anno).

La nuova foresta rinascerà anche grazie alla disponibilità dei gestori dell’area che hanno deciso di collaborare con WOWnature: il portale che permette a cittadini, associazioni, amministrazioni e privati di prendersi cura di una foresta, adottando o regalando un albero in piena armonia con le caratteristiche naturali dei singoli luoghi. L’evento a Enego, dunque, fa parte di una più ampia iniziativa che mira a proteggere e valorizzare le aree verdi del territorio.