SEGUICI SU

È sempre più green la filiera del latte piemontese, anche per quanto riguarda la riduzione delle emissioni durante le operazioni di caricamento del prodotto.

La novità entrata in funzione in questo periodo riguarda i camion-cisterna che raccolgono il latte nelle campagne piemontesi.

All'arrivo in azienda il trasportatore spegne il motore del mezzo attivando uno speciale motore elettrico installato a bordo, alimentato da una batteria al litio. Il travaso del latte avviene così in modalità ecologica, con un bel po' di vantaggi. Poco rumore, minor tempo per il pompaggio, risparmio energetico e soprattutto, zero emissioni. È un altro passo avanti per la sostenibilità della filiera che coinvolge i produttori Compral e Inalpi di Moretta. Inventore della nuova modalità è la ditta di trasporto Delfino di Bernezzo, da sempre partner di fiducia della cooperativa guidata dal presidente Raffaele Tortalla e dal direttore Bartolomeo Bovetti.

La svolta green ha interessato direttamente gli allevatori: attualmente oltre l'80 per cento dei soci Compral utilizza fonti rinnovabili. Una bella realtà che si concretizza grazie alle tecnologie aziendali utilizzate (biogas e fotovoltaico in primis) e ai certificati bianchi riconosciuti nell'ambito dell'accordo operativo stabilito tra Compral-Latte e la società saluzzese eViso, leader nel settore.

Come detto, anche la logistica dei trasporti si è adeguata. I camion-cisterna seguono infatti percorsi studiati per limitare il chilometraggio. La tracciabilità degli spostamenti è monitorata, dalla stalla alle torri del latte di Moretta, attraverso il Gps.

Inalpi e Compral latte intendono consolidare e sviluppare la filiera del latte piemontese in termini di qualità, sostenibilità e benessere di tutti gli attori della filiera.