SEGUICI SU

Per il rinnovo del Factory Stores di Mendrisio, sono stati scelti materiali naturali, in primis il legno.

Tarchini Group – azienda svizzera operante da oltre 40 anni nel settore del real-estate – ha intrapreso da tempo un percorso di crescita in cui la salvaguardia dell’ambiente e l’utilizzo di materiali naturali sono temi decisivi nell’agenda quotidiana. Una serie di interventi strutturali importanti stanno progressivamente interessando gli edifici di proprietà del Gruppo con rilevanti investimenti a favore di energie rinnovabili, efficientamento dei consumi e tecnologie che permettano di ridurre l’impatto ambientale e l’utilizzo di materiali scelti in un’ottica di economia circolare e di riciclo.

Nell’attuale ampliamento di Foxtown, il rinomato Factory Stores di Mendrisio, che sarà ufficialmente inaugurato a marzo 2022 con 40 nuovi negozi, i vertici aziendali hanno fortemente richiesto l’impiego di materiali naturali, in primis, il legname proveniente dalla tempesta Vaia che ha provocato, in meno di una settimana (dal 26 al 30 ottobre 2018), la caduta di 8,6 milioni di metri cubi di legname, corrispondente a quanto ne verrebbe generalmente tagliato nel corso 5 – 7 anni.

L’impiego del legno, architettonico e creativo, è l’elemento centrale e dominante del progetto della nuova ala di FoxTown. La realizzazione dell’allestimento, interno e della passerella di collegamento tra l’edificio esistente e il nuovo corpo, si fanno portavoce delle infinite potenzialità di un materiale considerato ormai inutilizzabile. I lavori, iniziati già nelle scorse settimane, seguono regolarmente la timeline programmata e prevedono l’utilizzo di circa 250 metri cubi di legname certificato PEFC Solidale con la posa di strutture in legno di design a grande impatto estetico. Una scelta funzionale che coniuga progettualità contemporanea, gestione responsabile delle risorse naturali, ridotti costi energetici di produzione e smaltimento (in relazione a materie come calcestruzzo e metalli) e riuso di materie prime.

Tarchini Group si è assunto con serietà l’impegno di sostenere attivamente iniziative mirate alla salvaguardia dell’ambiente a partire dall’aiutare a ricucire la ferita inferta ai boschi di abete rosso del Trentino nel 2018 e mette in campo un piano strategico che va in una pluralità di direzioni e che guarda a un futuro più sostenibile e rispettoso, tracciando nuovi asset competitivi a favore dell’ambiente, della collettività e delle economie locali.