SEGUICI SU

Il brand Birra Peroni ha celebrato la “raccolta dell’orzo” in un’ottica rivolta al futuro.

Presentati sia risultati che lo stato di avanzamento dei progetti più innovativi che sta portando avanti con i propri partner nell’ambito di Campus Peroni per supportare, tramite la tecnologia, l’evoluzione sostenibile della filiera.

L’evento, tenutosi a Roma, è stato l’occasione per incentivare un confronto aperto anche con gli stakeholders istituzionali e finalizzato a evidenziare come l’innovazione tecnologica nel comparto agricolo supporti non soltanto una maggiore qualità e sostenibilità della produzione, in piena coerenza con gli obiettivi indicati dal PNRR nella componente “Economia circolare e agricoltura sostenibile”, ma anche un significativo recupero di competitività da parte delle aziende del settore, un aspetto particolarmente cruciale per la ripresa post-Covid.

Di fatto, fare innovazione di filiera, oggi più che in passato, richiede anche la capacità di fare sistema comune tra tutti gli attori coinvolti, in modo da condividere esperienze, progettualità e know-how: si tratta di un vero e proprio percorso rivolto all'ottimizzazione delle performance aziendali strettamente correlato sia ai principi della sostenibilità che a quelli della Corporate Social Responsibility (CSR).

Federico Sannella, Direttore Relazioni Esterne e Affari Istituzionali di Birra Peroni, ha così sottolineato sia le ragioni che hanno spinto l’azienda a impegnarsi sul versante digitale e sia la rispettiva vision in tema di innovazione: “La transizione ecologica del settore agroalimentare va gestita in un'ottica di filiera. Come azienda di trasformazione, sappiamo di poter giocare un ruolo importante in questo percorso di trasformazione, ma è necessario che tutti gli attori della filiera siano coinvolti: le aziende agricole, il settore della distribuzione, il mondo della ricerca, le università e le start-up più innovative: tutti devono collaborare in una logica di open innovation che deve essere sostenuta da investimenti adeguati e progettualità concrete”.